Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sulla soglia d'un'altra vita 39

smarrirsi piuttosto nelle ombre del passato che nelle nebbie del presente. Vicino alla meta, egli pensava i primi passi della lunga via, le vicende inattese, l’aspetto della sospirata unione così diverso nel vero da quel ch’era apparso nei sogni, al tempo della mandevilia e delle rose, delle gite sul lago e sui monti. Non sospettava certo, allora, di dovervi arrivare così, di nascosto, fra tante difficoltà, fra tante angustie. Pure, pensava adesso, se il matrimonio si fosse fatto pubblicamente, pacificamente, col solito proemio di cerimonie ufficiali, di contratti, di congratulazioni, di visite, di pranzi, tanto tedio sarebbe riuscito più ripugnante all’amore che questi contrasti.

Lo scosse la voce del prefetto che lo chiamava dal giardino per annunciargli la partenza delle Carabelli. Franco pensò che se scendeva avrebbe dovuto fare delle scuse e preferì non lasciarsi vedere. «Doveva romperglielo sulla faccia il piatto!» gli stridette su il prefetto tra le mani accostate alle guancie. «Doveva romperglielo sulla faccia!»

Poi se n’andò e Franco vide il barcaiuolo delle Carabelli scendere ad apparecchiar la barca. Lasciò allora la finestra e seguendo i pensieri di prima, aperse il suo cassettone, stette lì a contemplare, come distratto, uno sparato di camicia ricamata, dove lucevano già certi bottoncini di brillanti che suo padre aveva portati alle nozze proprie. Gli dispiaceva andar all’altare senza un segno di festa,