Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/304

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 capitolo quinto.


La città morta era così, ma com’era la città vivente? Com’era la società? Bice voleva pure saperlo. “Se ci vengo a stare!„ E rise del suo riso breve, giovanile ancora, che faceva palpitare e impallidire Destemps. Carlino rispose che la città vivente era un mondo infinitamente più grande, vario e curioso di quel mondo piccolo dove “si vive noi„, nelle città grandi, eccetto forse in Roma e in Parigi. “E` questo delizioso mondo provinciale„ soggiunse “che vedrete alla mia conferenza, stasera; e qui ne sarà tutto pieno.„

“Non la fare, la conferenza„ disse Jeanne. “E` una cosa che non va. Vedrai, accontentati delle proiezioni. Saranno cancans da non dire. Si è già cominciato, io lo so. Scandali addirittura!„

Bice battè le mani. “La faccia, la faccia!„ Gli occhi della Gonnellina scintillarono e le sfuggí un “sì, sì!„ fra le risate di tutti, le proteste di suo padre “birbaccione di Carlino che mi ammalizia la figliuola!„ e i giuramenti di Carlino: “Ma se la mia conferenza sarà una Filotea dell’amabilità e della verecondia!„.

“Con quelle proiezioni?„ fece Jeanne. Qui successe uno scoppio di allegra curiosità. Anche la franca Bice voleva sapere. La Gonnellina taceva rossa rossa, e Laura, la gelida, taceva con indifferenza