Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 capitolo primo.

chese Zaneto alzava la voce: “ta ta ta!„ e accadeva ben di rado ch’egli fosse costretto dalla protervia di un ribelle a continuare di galoppo e più forte: “taratatà, taratatà, taratatà!„ Il buon uomo che avrebbe avuto una spiccata inclinazione a mettersi con i farisei e a lapidar l’adultera, non usava altrettanto rigore che per le espressioni poco esatte in materia di fede. Quando non si trattava di malcostume nè di dogmi lasciava correre. Guardingo egli stesso in ogni sua parola, pareva quasi compiacersi che gli altri non lo fossero altrettanto. Una certa dose di sale comune l’avevan tutti. C’era poi un burbero giudice in pensione che aveva sempre in pronto il sale amaro e c’era un vecchio lungo, magro, giallo, arcigno, che veniva assiduamente con una moglie lunga, magra, gialla, malinconica e che non parlava se non per schizzare qualche goccia di acido.

Quella sera i chimici di casa Scremin avevano nel crogiuolo il fiore del mondo elegante, l’Olimpo della piccola città. Trattar quest’Olimpo con acidi e sali era il loro più squisito piacere. Da buoni botoli borghesi non si pigliavano alcuna soggezione della grossa bestia rampante sullo stemma di casa. La marchesa Nene non pareva tener gran fatto alla bestia; il marchese Zaneto affabile e umile con tutti sapeva coprir bene un certo debole per essa. I