Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
412 capitolo settimo.

dell’anima, ineffabilmente, offerse per lui le pene sue presenti e quelle attese della purificazione futura.

“Signore, Signore„, pensò “non lasciatemi morire così!„ E subito ebbe un momento quasi di rimorso, si affrettò a soggiungere dentro di sè: “Però sia fatta la Vostra santa Volontà„.

Poi chiamò con voce fievole:

“Caro„.

Chiese il fazzoletto. Avutolo, cercò di recarselo agli occhi e la mano le ricadde sulle lenzuola.

“Non ho più la forza„, diss’ella. E aperse la mano.

Allora tremante, straziato, volendo pur dire una parola consolatrice e non riuscendovi, egli le terse col fazzoletto gli occhi lacrimosi. La poveretta potè appena dirgli:

“Grazie. Chiamami la mamma„.


IV.


Gli Scremin, don Giuseppe Flores e Maironi alloggiavano in un piccolo albergo vicino allo Stabilimento. Dopo la visita del professore, che trovò la febbre ancora piuttosto alta, una penosa inquie-