Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ab ovo. 25

topsia del vecchio amico per trovargli l’ulcus senatorium e l’uomo amaro andava ripetendo: “Mondo! Tuti compagni! mondo!„ “Caspita!„ diceva un altro: “Un ovo de matina, la quaresima! Atenti ch’el se fa turco!„ Poi vennero in campo certe promesse di Zaneto al deputato del collegio. Figurarsi, Zaneto che dopo il 1870 non aveva mai votato! Parlarono anche di pratiche fatte per lui dal deputato del collegio presso una dama romana amica di due ministri. “Capìo?„ diceva uno. “Amiga de do! Figurève che dama! altro che ta ta ta!„ Un altro alluse discretamente a un potentato della città, a un uomo politico detto per antonomasia il Commendatore, basso di statura. “Sì, ma se el picoleto no lo aiuta!....„.

Per una terza straduccia don Serafino trotterellava verso il suo umile nido insieme a un compagno che aveva nidificato negli stessi paraggi. Anche questi due frullarono l’uovo ma con mansuetudine. Si figuravano i rimorsi di Zaneto per lo scandalo dato. “Perchè l’è un santo omo, savìo!„ diceva il prete. “Perchè mi so!„ E raccontò al suo compagno atti di ascetismo compiuti dal marchese Scremin in segreto. Ci aveva in corpo quel baco del Senato, sì; un baco guastamestieri! Don Serafino stava considerando minutamente, a bassa voce, il disgraziato baco e i suoi malefizi, quando,