Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26 capitolo primo.

allo svoltar d’un canto, il suo compagno lo interruppe con un colpo di gomito. Quegli aveva sfiorato, svoltando, un signore astratto che svoltava nel senso opposto, e camminava adagio, con le mani nelle tasche del soprabito.

“Gàla visto el consiglier!„ diss’egli, fatti pochi passi.

“Mi no. Che consiglier?„

“Eh, cosso! Maironi!„

Maironi! A quest’ora! Da queste parti! Dove sarà andato? In conversazione non si vede più. Tanti lo trovano più distratto quel giovine, più cupo. Ogni mattina a messa, ogni sera alle funzioni, ogni otto giorni ai Sacramenti. È sempre stato pio ma non a questo punto. E carità, carità senza fine. “Perchè mi so!„ La sua disgrazia, sì! Ma insomma non è cosa nuova, son quattro anni, adesso.

No, non poteva esser questo. Un buon giovine, ma un po’ strano anche lui, sapete. Il sangue non è acqua, dicono che sua madre sia stata una testa calda, e suo padre: héhéoli! Buono, però! Ecco, un santo davvero. Una fede, una carità! E devoto alla causa! Clericale proprio di quei convinti, capite; perchè, inter nos, anche fra i nostri della zizzania ce n’è! C’è chi tira alla scarsella e c’è chi tira a far chiasso, a farsi un nome, un’influenza. Pochi, ma ce n’è! Quello lì no; eh, quello lì! E talento. Talento