Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 178 —

Mormoni lo chiamava l'istrice e, da imperatore romano, lo avrebbe condannato ad purgationem cloacarum.

Era veramente d’una bruttezza mostruosa, e aveva di essa coscienza, peggio anzi: un tragico invasamento. Sempre cupo, raffagottato, non levava mai gli occhi in faccia a nessuno, forse per non scorgervi il ribrezzo che la sua figura destava; rispondeva con brevi grugniti, a testa bassa e insaccato ne le spalle. I lineamenti del suo volto parevano scontorti dalla rabbiosa contrazione che gli dava la fissazione della propria mostruosità. Per colmo di sciagura aveva anche i piedi sbiechi, deformi entro le scarpe adattate alla meglio per farlo andare.

Il Mormoni e il Nusco erano già avvezzi ai modi di lui, più d’orso che d’uomo, e non ne facevan più caso; Marta, nei primi giorni, ne fu urtata, non ostante le prevenzioni della direttrice. In fondo in fondo, mentr’ella non badava alle smorfie e ai lezii degli altri due, se non per riderne, provava una certa stizza per la noncuranza quasi sprezzante di quel terzo per lei affatto innocuo.

In quel po’ di tempo che si tratteneva in sala, aspettando l’ora precisa della lezione, egli s’immergeva nella lettura d’un giornale, senza badare a nessuno. Spesso Marta volgeva uno sguar-