Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 255 —

Come nasconderò a mia madre, a mia sorella il mio stato?... Se ne accorgeranno.... No, no: prima morire.... Per forza io ora debbo morire, per forza.... Non mi resta più altro....

— Che sbaraglio! — mormorò egli annichilito, coprendosi la faccia tra le mani.

— Che riparo? che rimedio? — fece Marta disperatamente, tra le lagrime.

— Non piangere così! Cerchiamo insieme....

— Ah, tu, per te, lo so: per te, l’avevi trovata la via d’uscita....

— Per me? Come? No.... no.... Non rimproverarmi ancora.... Come potevo supporre? Perdonami! Senti: corro a raggiungere il Blandino. Gli dirò che.... la verità!... Che non si occupi più....

— Come! E poi?

— Tu verrai con me....

— Daccapo? Vuoi straziarmi l’anima inutilmente? me lo dici perchè sai che non posso volerlo?

— E dalli con la diffidenza! Marta, perdio, non vedi che il mio dolore è sincero? Non puoi volerlo: ma tu devi, adesso! Che vuoi fare?

— Non lo so.... non lo so.... Venire con te, sì, io potrei ormai: sono perduta.... Ma la mamma? mia sorella? Sai che vivono di me.... Posso io trascinarle nell’obbrobrio? Non intendi questo? Non sai chi è mia madre?