Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 259 —

nazione di Marta per l’ora tarda. — Pensa, pensa a ciò che t’ho detto....

— Tu ragioni, — sospirò Marta, — tu puoi ragionare.... io.... Lasciami, lasciami andare, ora.... debbo andare.... è già sera....

— T’aspetto qui, domani, — le disse egli. — Qualunque cosa tu decida, sappilo: pronto a tutto. Addio! Aspetta.... i capelli.... rassettati un po’ i capelli almeno....

— No, no.... ecco, così.... Addio!

Marta scappò via stropicciandosi gli occhi, ravviandosi i capelli, pensando alla scusa da addurre per il grande ritardo con cui rincasava.

Allo svolto della via, nella semioscurità, si trovò improvvisamente di fronte Matteo Falcone

— Donde viene?

— Lei! Che vuole da me?

— Donde viene? — ripetè il Falcone, quasi sul volto di Marta.

— Mi lasci passare! Chi le dà il diritto d’insolentir la gente per istrada? Fa la spia?

— Io la svergogno! — ruggì tra i denti il Falcone.

— Villano! Si approfitta d’una donna sola?

— Donde viene? — fece ancora una volta il Falcone, fuori di sè dalla gelosia, tentando di ghermire un braccio di Marta.

— Mi lasci, villano! o grido!