Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 260 —

— Gridi, lo faccia venir giù! Sono così, ma ho polsi, perdio, da storcergli il collo come a un galletto! È quel biondo mingherlino dell’altra volta?

— Sì, mio marito! — fece Marta. — Vada a trovarlo!

— Suo marito? Come! Quello è suo marito? — esclamò il Falcone, interdetto, stordito.

— Mi si tolga dai piedi.... Non ho da rispondere a lei....

Marta prese la via precipitosamente, seguita dal Falcone.

— E suo marito? Senta.... senta.... Mi perdoni....

— Vuol mettermi alla disperazione? — gli disse ella voltandosi e fermandosi un istante.

— Non si disperi.... Io sono il disperato! Mi perdoni, abbia pietà di me.... merito compassione, non disprezzo.... Non sono io il mostro, il mondo è un mostro, mostro pazzo che ha fatto lei tanto bella e me così.... Mi lasci gridar vendetta! Ripari lei, in odio a questo mondo pazzo! Faccia lei la mia vendetta! È una vendetta.... è una vendetta....

Marta tremava tutta, di paura, di sdegno, correndo: s’era lasciato dietro il Falcone, che gridava gestendo in mezzo alla via deserta:

— Vendetta! Vendetta!

Le finestre si schiudevano, la gente usciva