Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il fiore 317

CLXXII

La Vecchia.

     «E quando tu udirai la sua domanda,
giá troppo tosto non sie d’accordanza,
né non fare di lui gran rifusanza:
4nostr’arte sí nol vuol né nol comanda.
Cortesemente da te sí ’l ne manda
e stea il su’ fatto tuttora in bilanza,
sí ch’egli abbia paura ed isperanza
8insin che sia del tutto a sua comanda.
     E quand’e’ ti fará piú pregheria,
tu gli dirai tuttor che tu sie presta
11a fargli tutta quanta cortesia;
e dí che ’l su’ amor forte ti molesta,
e cosí caccia la paura via.
14Po’ dimora con lui e fagli festa.»

CLXXIII

La Vecchia.

     «Gran festa gli farai e grand’amore,
e di come gli ti se’ tutta data,
ma non per cosa che t’aggia donata,
4se non per fino e per leal amore;
che tu ha’ rifiutato gran signore,
che riccamente t’avrebbe donata:
‘ma i’ credo che m’avete incantata,
8per ched i’ son entrata in quest’errore’.
     Allor sí ’l bascierai istrettamente,
pregandol che la cosa sia sagreta,
11sí che nol senta mai nessuna gente.
A ciò che vorrá fare, istara’ cheta;
ma guarda che non fossi acconsentente
14a nessun, se non se per la moneta.»