Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 poemetti allegorico-didascalici

CXCIV

La Vecchia.

     Cosí ha quella vecchia sermonato.
Bellaccoglienza molto queta è stata
e molto volontier l’ha ascoltata,
4e molto e’ n’è ’l su’ cuor rassicurato;
sí che seria legger’a far mercato,
se Gelosia non vi fosse trovata
e’ tre portier, che fanno gran vegghiata,
8ché ciascun dotta d’esser barattato.
     Di Malabocca, che giá era morto,
nessun di lor non facea mala cera,
11ché chi l’amasse sí faria gran torto;
ché non finava di die né da sera
di dar a Gelosia nuovo sconforto,
14né non dicea giá mai parola vera.

CXCV

Bellaccoglienza.

     Bellaccoglienza la parola prese,
e sí rispuose, come ben parlante:
«Gentil madonna, i’ vi fo grazie mante,
4che di vostr’arte mi siete cortese;
ma ’l fatto de l’amor non m’è palese,
s’e’ non s’è in parole trapassante.
Ched i’ sia di danar ben procacciante?
8I’ n’ho assai per farne belle spese.
     D’avere in me maniera bella e gente,
a ciò vogl’i’ ben metter mia balia,
11in tal maniera che sia sofficente.
Se voi ciò mi parlate di malia195-12
ch’ella non può tornar giá cuor di gente,
14credal chi vuol, ch’i’ la teng’a follia!».