Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 poemetti allegorico-didascalici

che m’aman pur a patto
e servon buonamente,
     60se vede apertamente,
com’io riserva lui
d’altretanto o de plui.
Altretal ti redico
delo ritroso amico,
     65ched a la comincianza65
mostra grande abondanza;
poi a poco a poco alenta,
tanto che aneenta,
e in detto ed in fatto
     70giá non oserva patto.
Cosí ho posto cura
ch’amico di ventura
come rota si gira,
ch’ello pur guarda e mira
     75come ventura corre;
e se mi vede porre
in glorioso stato,
servemi di buon grato;
ma se cado in angosce,
     80giá non mi riconosce.
Cosí face l’augello,
ch’al tempo dolce e bello
con noi gaio dimora
e canta ciascuna ora;
     85ma quando vien la ghiaccia,
che non par che li piaccia,
da noi fuge e diparte,
ond’io n’aprendo un’arte:88
che come la fornace
     90prova l’oro verace,
e la nave lo mare,
cosí le cose amare
mostran veracemente