Pagina:Poemi (Byron).djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il corsaro 109

Cessano appena;.... ei più non regge,.... nulla
Vede, null’ode;.....balza in mar;.. .. coll’onda
Contrasta,.... vince,.... il lido afferra,.... il noto
Sentier trascorre,.... giunge,.... in su la soglia
Sosta,.... tende l’orecchio. Non accento
Fra quelle mura;.... notte è intorno; forte
L’uscio martella, e voce non risponde,
Piede non move ad incontrarlo.... Batte
Ma più languido ancor, ch’omai la mano
Trema e l’opra ricusa al cor, che dura
Tanto la chiede. S’apre alfin la porta,
Non ignoto è quel viso, ma le forme
Ch’anéla ei stringer non son quelle, e muta
È quella bocca; ben due fiate, e indarno
Per ben due fiate, la fatal domanda
Tenta Corrado primo espor; ne strappa
Di man la lampa.... il raggio suo funesto
Tutto dirà;.... ma da la sua più incerta,
Sfugge la mesta lampa;.... e cade.... e spira.
Non attende colui ch’altra s’avvivi
Propizia luce;.... ancor che breve, istante
Interminato fora questo, come
La nuov’alba aspettar;.... ma per lo fosco
Corridor serpe un fioco raggio;.... vola
L’affannoso Corrado,.... è nella stanza,....