Pagina:Poemi (Byron).djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il giaurro 183

» Al solitario petto... Eppur costei,
» Mirala, è qui, con fulgid’occhio e negro,
» Col crine avvinto, mutola, accennando
1360» Con mano supplichevole... Menzogna
» Quello fu, che narrar; nò, non morìo,
» Che morir non potea... Ben ei fu spento
» Entro a la valle, e dove cadde, il vidi
» Discender ne la fossa... e quì non viene,
1365» Chè da la dura terra, ond’è coverto,
» Uscir più, non potrìa... Deh! perchè desta
» O Lejla mia se’ tu? Disser’ ch’enormi,
» E spaventose s’aggiravan’ l’onde
» Su le forme ch’adoro, e su la faccia
1370» In che m’affiso; disser’... ma quell’era
» Orrend’istoria, nè ridirla io posso,
» Perchè il labbro vien’manco... Oh! Se dal fondo
» Del marino tuo speco, è ver che giugni
» A chieder tomba più tranquilla, stendi,
1375» Lejla mia, deh!, l’umida man su questa
» Fronte, onde più non arda, e sul mio cuore,
» Che più speme non ha, posa il tuo dito.
» Ombra, o donna, qual sii, più dal mio fianco
» Per pietà non fuggir, o teco lunge,
1380» Più che vento non spinge, e flutto corre,
» Porta l’anima mia!...