Pagina:Poemi (Byron).djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 il giaurro

» Visse colei, sì visse, e radïante
» In sua candida gonna, al par dell’astro
» Che fra le grigie, là, pallide nubi
1335» Or io rimiro, come allor mirai
» Lei che amabil così volgea lo sguardo;
» Negra vegg’io la tremula favilla,
» E ben la notte di domàn più negra
» Fia che la vegga! Inanimata spoglia,
1340» Ma vivente terror, pria che il suo raggio
» Spunti, io sarò. Padre, io deliro!... Sento
» Ch’al confin de la vita omai sen’fugge
» Lo spirto mio... Sì, ch’io la vidi... e sórsi
» Dei nostri affanni immemore!... Balzando
1345» Da le coltri l’afferro, e stringo, e premo
» Sul disperato sen... Premo?... Chi mai?...
» Non bocca che respiri in tanto amplesso?...
» Non cuor che batta, ed al cor mio risponda...
» Pur quel sembiante è tuo! tue son le forme!
1350» E sei tu Lejla? Lejla amata? E or tanto
» Cangiata, e sì che l’occhio mio ricerchi,
» E a la destra t’involi? Oh, sia pur fredda,
» E quale or, sempre tua beltà! Ma al seno
» Stringanti queste braccia, o caro oggetto
1355» Cui sostener bramaron ’tanto... Ahi, lasso!
» Ombra vuota se’ tu, ritornan vuote