Pagina:Poemi (Byron).djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il corsaro 47

E un seno asconde solo al Ciel devolo.
Dimesso sì, ma pur di sè securo,
Ogn’occhio ei sfida ch’ansïoso il guata,
Quasi del suo venir contezza brami,
Pria che il Pascià di favellar conceda.

IV.

» D’onde o Dervis?» — » Da l’antro de’ Pirati,
» Fuggitivo qual vedi» — » E dove, e quando
» Fosti lor preda?» — » Solcavam da Scio
» A Scalanova, ma a la nostra prora
» Ahi! non sorrise Allà, ch’ogni ricchezza
» E la Saìcca insiem, di que’ ladroni
» Cadde in poter, e nostre membra cinte
» Fur di catene. Non argento, o gemme
» I’ perdei nò, ch’unqua non n’ebbi; morte
» Paventar non dovea; l’errante solo
» Mia libertà m’era tesauro, e questa
» Tolsermi i crudi. Alfin, tra le notturne
» Ombre, d’un pescator l’umil barchetta
» M’offrì scampo, e speranza; I’ l’ora colsi,
» E quì salvo ne giungo. Oh! a te vicino,
» Forte Pascià, che più temer?» — » E i tristi
» Quale nutron disegno? Le rapite