Pagina:Poemi (Byron).djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

a


L. A. DAMASO PARETO.



A Voi, Concittadino di intatta, ed onorevole stirpe, a Voi, dotto amico delle Angliche Muse, io, non ultimo ammiratore di esse, intitolo questi canti di Byron. In quanto pregio la letteraria Europa tutta tengasi il Corsaro, e qual velo pietoso, da cui non altro che gloria traspiri alla severa posterità, stendasi per esso sulle ceneri del sommo Cantore, Voi, e più di me al certo, lo sapete. I miei versi, restii allo ardente volere, mal ripeteràn forse la