Pagina:Poemi (Byron).djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il corsaro 95

» Ma tu dubiti ancor! non io.... Cangiossi
» Già l’alma mia;.... spregiata, oppressa, vinta
» Dagli oltraggi, vendetta agogno, e forza
» M’è trar vendetta... Ei questo core accusa
» Di colpa, ch’unqua palpitar nol fèo,
» Questo cor fido, oh troppo! in così dura
» Servitute,... sorridi!... Ei n’ha ben lieve
» Cagion mel’ credi.... Traditrice or forse
» I’ non sarei.... non caro tu a me tanto!
» Ma, geloso! ei lo disse, e sia.... Tiranni
» Tormentosi, di fè mal certi ognora,
» Trovino pur, qual si predicon fato
» Collo stizzoso labbro! Io non l’amava....
» L’altero mi comprò, ma il core.... oh! il core
» Comprar mai non potèo. Non mormorante
» Schiava, ei sempre mi vide;... insidïoso
» Or vuol che teco di fuggir disegno
» Nudrissi;.... tu s’e’ menta, sai.... Profeta
» De’ proprj danni, il vaticinio vero
» Cogli insulti ei farà! Nè indugio, a prego
» Concesse ei, no; sol perchè i tuoi tormenti
» Suonin più atroci, e il mio dolor più fero,
» Serbò i tuoi giorni, ed i miei pur già conta;
» Ma vuol ch’I’ sia di più tardo capriccio
» Vittima, allor che di caduchi vezzi