Pagina:Poesie (Carducci).djvu/1008

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
982 rime e ritmi

Oh a chi d’Italia nato mai caggia dal core il tuo nome
          frutti il talamo adultero
tal che il ributti a calci da i lari aviti nel fango
          120vecchio querulo ignobile!

e a chi la patria nega, nel cuor, nel cervello, nel sangue
          sozza una forza brulichi
di suicidio, e da la bocca laida bestemmiatrice
          124un rospo verde palpiti!


III.


A te ritorna, sí come l’aquila
nel reluttante dragon sbramatasi
poggiando su l’ali pacate
128a l’aereo nido torna e al sole,

a te ritorna, Cadore, il cantico
sacro a la patria. Lento nel pallido
candor de la giovine luna
132stendesi il murmure de gli abeti

da te, carezza lunga su ’l magico
sonno de l’acque. Di biondi parvoli
fioriscono a te le contrade,
136e da le pendenti rupi il fieno