Pagina:Poesie (Carducci).djvu/1018

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
992 rime e ritmi



ALLA CITTÀ DI FERRARA9
nel xxv aprile del mdcccxcv

I.


Ferrara, su le strade che Ercole primo lanciava
     ad incontrar le Muse pellegrine arrivanti,
e allinearon elle gli emuli viali d’ottave
     4storïando la tomba di Merlino profeta,
come, o Ferrara, bello ne la splendida ora d’aprile
     ama il memore sole tua solitaria pace!
Non passo i luminosi misteri vïola né voce
     8d’uomo: da i suburbani pioppi il tripudio corre
de gli uccelli su l’aura dei pian lungi florido. Come
     ne le scendenti spire de la conchiglia un’eco
d’antichi pianti, un suono di lungo sospiro profondo
     12dal grande oceano ond’ella strappata fu, permane;