Pagina:Poesie (Carducci).djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Congedo-LeviaGravia.png


I

CONGEDO


Come tra ’l gelo antico
S’affaccia la vïola e disasconde
Sua parvola beltà pur de l’odore;
4Come a l’albergo amico
Co ’l vento ch’apre le novelle fronde
La rondinella torna ed a l’amore;
Rifiorirmi nel core
8Sento de i carmi e de gli error la fede;
Animoso già riede
De le imagini il vol, riede l’ardore
Su l’ingegno risorto; e il mondo in tanto
12Chiede al mio petto ancor palpiti e canto.