Pagina:Poesie (Carducci).djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 levia gravia

Luce di poesia,
Luce d’amor che la mente saluti,
Su l’ali de la vita anco s’aderge
16A te l’anima mia,
Anco la nube de’ suoi giorni muti
Nel bel sereno tuo purga e deterge:
Al sol cosí che asperge
20Lieto la stanza d’improvviso lume
Sorride da le piume
L’infermo e ’l sitibondo occhio v’immerge
Sin che gli basta la pupilla stanca
24A i color de la vita, e si rinfranca.

Quale nel cor mal vivo
Dolore io chiusi, poi che la minaccia
Del tuo sparir sostenni, e quante pene!
28Tal del seguace rivo
A poco a poco inaridir la traccia
L’arabo vede tra le mute arene,
E sente entro le vene
32L’arsura infurïar, e mira, ahi senso
Spaventoso ed immenso!,
Oltre il vol del pensiero e de la spene
SpazÏare silente e fiammeggiante
36Il ciel di sopra e ’l gran deserto innante.