Pagina:Poesie (Carducci).djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 juvenilia

75Ne l’aromatico miel del Loiola,
Al sacro fulmine de la parola
Che da l’iberichee fiamme già mosse
E ne gli eretici sterpi percosse;
Oggi levatisi di ginocchione
80Anche rinnegano la dea Ragione,
E sempre al solito mo’ tolleranti
Già già si cavano rugghiando i guanti,
Pronti a pur arderti, libretto mio,
Se in un avverbio c’entrasse dio.
85Me al men, filosofi, non arderanno,
Come, teologi, volean l’altr’anno.
Ma chi, mal docile talpa infingarda,
Chi da ’l neofito furor mi guarda?
Quali su i ruderi de le memorie
90Di laide maschere corsi e baldorie!
E sempre piangere plebe affamata,
E sempre ridere plebe indorata,
E basir tisica sotto le bíche
La impronta logica de le formiche,
95E de le favole, baie del nonno,
Schifi già i bamboli cascar di sonno
Io veggo; e torpido nel gran lavoro
Non canto e prèdico l’età de l’oro.
Chi dunque, indocile talpa infingarda,
100Chi dal neofito furor mi guarda?
Gl’innocentissimi Nando e Poldino,
Che già l’immerito sermon latino
Stroppiaro in distici per nozze auguste,