Pagina:Poesie (Carducci).djvu/347

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

levia gravia 321


295Deh la rivegga! E il riso desïato
Ogni nero pensier dal cor mi cacci;
E, quando sienmi contro il mondo e il fato,
Mi trabocchi nel seno ella e m’abbracci.
Ben io constretto in que’ soavi lacci
300Torrò sicuro ogni fortuna ria.

Cosí cantò Gualfredo: e da i vermigli
Labbri de le fanciulle a lui volaro
I desideri e i baci, qual da’ fiori
Belle, carche di miele, api ronzanti.