Pagina:Poesie (Carducci).djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 juvenilia


VIII.


Profonda, solitaria, immensa notte;
Visibil sonno del divin creato
Su le montagne già dal fulmin rotte,
4Su le terre che l’uomo ha seminato;

Alte da i casti lumi ombre interrotte;
Cielo vasto, pacifico, stellato;
Lucide forme belle, al vostro fato,
8Equabilmente, arcanamente, addotte;

Luna, e tu che i sereni e freddi argenti
Antica peregrina a i petti mesti
11Ed a’ lieti dispensi indifferenti;

Che misteri, che orror, dite, son questi?
Che siam, povera razza de i viventi?...
14Ma tu, bruta quïete, immobil resti.