Pagina:Poesie (Carducci).djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 juvenilia


XII.


Quella cura che ogn’or dentro mi piagne
Desta dal lume in duo begli occhi ardente,
Me co ’l giorno invernale ove il torrente
4Scoscende e ne le avverse alpe si fragne

Seco rapisce. E te, che ti scompagne
Dal mio già fermo petto, o confidente
Virtude onde fuggii la vulgar gente,
8Penso per erma via d’aspre montagne.

Mi vince de le alpestri onde il fragore
Quell’una voce sua: suoi cari accenti
11Sona l’aura selvaggia. E in van nel core

Sdegno e ragion contrasta. Io miro a’ venti
Lente ondeggiar le nere chiome e amore
14Folgorar ne’ superbi occhi ridenti.