Pagina:Poesie (Carducci).djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

juvenilia 23


XIII.4


E tu pur riedi, amore; e tu l’irosa
Anima invadi, e fiero t’accampi,
E i desueti spirti e il cor che posa
4Lunga già s’ebbe or fiedi e scuoti e avvampi.

Io te fuggo per selve aspre e per campi:
Ma vive alta nel petto, e sanguinosa
Stride la piaga; e il mio duol grido: e cosa
8Mortal non è che di tua man mi scampi.

O degni affetti, o studi almi! In servaggio
duro vi piango e in basso errore, ov’io
11Caddi e giacqui co ’l vulgo, e non mi levo:

Ché pur mi preme di quegli occhi il raggio;
Di quei cari e superbi occhi ond’io bevo
14Lenti incendî e furor lungo ed oblio.