Pagina:Poesie (Carducci).djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 juvenilia


XIV.


Né mai levò sí neri occhi lucenti
Saffo i preghi cantando a Citerea,
Quando nel petto e per le vene ardenti
4A lei sí come nembo amor scendea;

Né desti mai sí molli chiome a’ venti,
Corinna, tu sovra l’arena elea,
Quando sotto le corde auree gementi
8Fremeati il seno e a te Grecia tacea:

Sí come or questa giovinetta bella
Tremanti di desio gli umidi rai
11E del crin la fulgente onda raccoglie,

In quel che dolce guarda, e la favella,
Qual tra le rose aura d’april, discioglie:
14Onde ardo, e posa non avrò piú mai.