Pagina:Poesie (Carducci).djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 juvenilia


Dal dí che il mese adduce
De la marina Venere
Sino alla terza luce
Già sorta a gl’incunabuli
Di Quirin, la gioconda
66Festa correa per la fiorita sponda.

E qui belle traéno
A’ rosei tabernacoli
Donzellette cui ’l seno
Tra i bianchi lin moveasi
Intatto anche a gli amori.
72Sotto gli astri roranti e a’ miti ardori

Del sole i verginali
Carmi intorno volavano,
Mentre il piacer da l’ali
Stillava ingenuo nèttare
E Terpsicore dea
78Invisibil co ’l suon danze movea.

“La sposa ecco di Tereo
Canta tra i verdi rami,
Né par che omai del barbaro
Marito si richiami:
Piú scorte note a lei
84Amore insegna e piú soavi omei.