Pagina:Poesie (Carducci).djvu/717

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LXXV I due titani.png





LXXV.
I DUE TITANI


prometeo.


L’avvoltoio, o fratello, il cuor mi lania
Con piaghe eterne e nuove:
Pazïente fratel di Mauritania,
4Maledetto sia Giove!

atlante.


Ed a me il ciel d’astri e di dèi fervente
Gli ómeri grava e il petto:
O di Scizia fratel mio sapïente,
8Giove sia maledetto!

prometeo.


Intorno a questo capo ove signore
Siede il pensiero eterno
Intorno al sen che alberga tanto amore,
12Stride perpetuo verno.