Pagina:Poesie (Carducci).djvu/724

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
698 rime nuove


Ecco Lipari, la reggia
Di Vulcano ardua che fuma
E tra i bòmbiti lampeggia
92De l’ardor che la consuma:
    Quivi giunto il caval nero
Contro il ciel forte springò
Annitrendo; e il cavaliero
96Nel cratere inabissò.

Ma dal calabro confine
Che mai sorge in vetta al monte?
Non è il sole, è un bianco crine;
100Non è il sole, è un’ ampia fronte
    Sanguinosa, in un sorriso
Di martirio e di splendor:
Di Boezio è il santo viso,
104Del romano senator.