Pagina:Poesie (Carducci).djvu/772

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
746 rime nuove


XCVI.

I TRE CANTI


Dalle Ballate di L. Uhland


Re Sifrido tien corte. — Arpeggiatori,
Il piú bel canto qual di voi mi sa? —
E un giovinetto esce di schiera fuori
4Snello: in man l’arpa, spada al fianco egli ha.

— Tre canti, o re, so io. Del primo è spento
Da tempo ogni ricordo entro il tuo cor:
Tu m’hai morto il fratello a tradimento;
8Tu m’hai morto il fratello, o traditor.

L’altro canto una notte, e urlava forte.
Il turbine, una notte ebbi a pensar:
Tu hai da pugnar meco a vita e morte,
12A vita e morte hai meco da pugnar. —