Pagina:Poesie (De Amicis).djvu/33

Da Wikisource.

— 25 —


XI.

Oh il maledetto cumulo d’orrori
Per gli orti, per i campi, e pei giardini!
Gli orribili ruscelli porporini
Che tra le zolle colano e tra i fiori!

E i mutilati miseri, che fuori
Dei fossi alzano, urlando, i moncherini,
E i mille morti per le vie supini
Deformati dal piè dei vincitori;

E le piazze dell’arso paesello
Maculate di viscere fumanti
E di pezzi di cranio e di cervello;

E il fioco suon dei gemiti lontani
E i bianchi giovinetti agonizzanti
Che invocano la madre a giunte mani!