Pagina:Poesie (De Amicis).djvu/32

Da Wikisource.

— 24 —


X.

Da tutta la fumante ampia corona
Dei monti alfin l’esercito fremente
Agitando le man sanguinolente
De la vittoria il grande urlo sprigiona;

E d’insolenti squilli il ciel risona
E si scopron le fronti al sol morente
E il bronzo vincitor superbamente
Dalle vette gli oltraggi ultimi tuona.

E sui fuggenti giù per ogni china
Una valanga di spietate lame
Con delirante voluttà ruina,

E tutto stampa di sanguigne impronte
E travolge e disperde il brulicame
Miserando dei vinti all’orizzonte.