Pagina:Poesie (Monti).djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

le api panacridi in alvisopoli 197

Germe divin, comincia1
     A ravvisarla al riso,
     Ai baci, ai vezzi, al giubilo
     108Che le balena in viso.
La collocâr benefici
     Sul maggior trono i numi.
     Ridi alla madre, o tenero;
     112Apri, o leggiadro, i lumi.
Ve’ che festanti esultano
     Alla tua culla intorno
     Le cose tutte, e limpido
     116II sol n’addoppia il giorno.
Suonar d’allegri cantici
     Odi la valle e il monte,
     Susurrar freschi i zefiri,
     120Dolce garrir la fonte.
Stille2 d’eletto balsamo
     Sudan le querce annose:
     Ogni sentier s’imporpora
     124Di mammolette e rose.
Tale il sacro incunabolo3
     Fioría di Giove in Ida:
     Ed ei, crescendo al sonito
     128Di rauchi bronzi e grida,
Rompea le fasce; e all’etere
     Spinto il viril pensiero,
     Già meditava il fulmine,
     132Signor4 del mondo intero.


112. Volgi, o leggiadro, i lumi.


    siano freno le miti virtú della madre.

  1. 105. comincia ecc.: Virgilio Ecl. IV, 60: Incipe, parve puer, risu cognoscere matrem.
  2. 121. Stille ecc.: Manzoni Il Nat., 40: «Stillano mèle i tronchi; Dove copriano i bronchi, ivi germoglia il fior»
  3. 125. incunabolo: culla (lat.)
  4. 132. Signor ecc.: È apposizione ad ei, cioè a Giove




SOPRA SÉ STESSO

Contenuto: Viltà dice al poeta: eccoti (bel frutto del troppo studio!) quasi cieco (1-4). Ed egli risponde: se l’occhio corporale è spento, brilla piú l’occhio intellettivo e abbraccia in sé l’universo (5-8). Cosí governo, a mio senno, il mondo (5-11); e se considero il perdersi nel nulla di tutto il fasto mortale, guardo e sorrido (12-14). — Questo bel sonetto, che lo Zumb. (p. 249) cfr. opportunamente con un luogo del Paradiso perduto (III, 39 e segg.), fu composto nel 1822 e pubblicato lo stesso anno nell’opuscolo Un sollievo nella