Pagina:Poesie (Monti).djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 LE NOZZE DI CADMO E D’ERMIONE

     L’ingegnosa sua tela, e col ferrigno1
     Dente agli appesi aviti brandi il lampo
     La ruggine consuma, a te concede
     Altra gloria e piú bella e senza pianti,
     175Senza stragi e rovine, il santo amore
     De’ miti studi del silenzio amici,
     Che da Febo guidati e da Sofia2
     Traggon l’uom del sepolcro e il fanno eterno3.
     Qui dell’arte di Cadmo e della sua
     180Imitatrice4 i monumenti accolti
     Di grave meraviglia empion la vista
     De’ riguardanti: qui, di Pindo e Cirra5
     Posti i gioghi in obblio, l’ascrèe fanciulle6
     Fermano il seggio, e grato a te le invia
     185Il gran padre Alighier, che per te monde7
     D’ogni labe contempla le severe
     Del suo nobil Convito alte dottrine.
     Odi il suon delle cetre, odi il tripudio
     Delle danze; ed Amor vedi, che gitta
     190Via le bende, e la terza e quarta rosa
     Del tuo bel cespo ad Imeneo consegna:8
     Ed allegro Imeneo nel piú ridente
     Suol le trapianta che Panaro e Trebbia9
     Irrighino di chiare onde felici;
     195E germogli n’aspetta, che faranno
     Liete d’odori e l’una e l’altra riva
     Di generose piante ambo superbe10.
Or voi d’ambrosia rugiadose il crine11,
     Il cui sorriso tutte cose abbella12,

    Inf. xvii, 18 e Purg. xii, 43.

  1. 171. ferrigno: arrugginito.
  2. 177. da Febo ecc.: guidati dall’amore del bello e del vero.
  3. 178. Traggon ecc.: Petrarca Trionf. d. Fam. I, 9: «quella Che trae l’uom del sepolcro, e ’n vita il serba».
  4. 179. e della sua imitatrice: la stampa.
  5. 182. Cirra: Cfr. la nota al v. 23, p. 41.
  6. 183. l’ascrèe fanciulle: le Muse. Cfr. la nota al v. 13, p. 40.
  7. 185. per te monde ecc: «Quelli che si misero primi all’ardua impresa di ridurre a miglior lezione quella altissima e sapientissima prosa (il Convito) furono i signori Gian Giac. Trivulzio, V. Monti e Gio. Antonio Maggi (Milano, 1826 e Padova, 1827). Essi si dolgono grandemente dell’orribile guasto in che trovarono i Codici tutti per loro esaminati... Si fecero animosi ad emendare ed illustrare i passi viziati; a rettificare l’interpretazione e l’ortografia; ad espungere senza riguardi i volgari idiotismi: a corredare di annotazioni il testo...» Ferraz., p. 772. Cfr. anche Gamba, p. 135.
  8. 190. la terza e quarta rosa: Il M. per il matrimonio delle due prime figlio del Trivulzio (Rosa, che sposò nel ’17 il march. Giuseppe Poldi Pezzoli e Cristina, che sposò nel ’19 il conte Giuseppe Archinto) aveva composto Il cespuglio delle quattro rose e Il ritorno d’Amore al cespuglio delle quattro rose. Ciò posto, è manifesto che qui allude alle due ultime sorelle, la terza e quarta rosa.
  9. 193. Panaro scorre presso Modena; Trebbia, presso Piacenza: le città donde erano gli sposi.
  10. 197. Di generose ecc.: gloriose ambedue per aver dato i natali ad uomini illustri.
  11. 198. d’ambrosia rugiadose il crine: Cfr. le note a’ vv. 26, p. 3 e 4, p. 186.
  12. 199. Il cui sor-