Pagina:Poesie greche.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 12 —


Un serto io componeva,
     E tra le rose amor vidi legato.
     Io per l’ali afferrato,
     Entro il vin l’immergeva;
     5Poscia mel trangugiai.
     Ei da quel dì giammai
     D’agitare non cessa
     Dentro le membra mie l’ala indefessa.





3. Di Simonide di Ceo.


Sulla battaglia navale dell’Artemisio.


Dei morti alle Termopile
     Glorïosa è la sorte,
     Ara la tomba, nobile
     La disfidata morte.
     5Parliam, parliam de’ prodi,
     Non lamentiamli: gemiti
     Sien lor le nostre lodi.
Questo sepolcro ruggine
     Non fia che mai divore,
     10Nè che il tempo l’ottenebri


  1. Altri lo attribuiscono ad Anacreonte.