Pagina:Poesie greche.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 24 —

...Qual dai pastor sui monti calpestato
     Fior di giacinto cade al suolo chinato.




...Come una dolce mela si fa rossa
     In cima al ramo, e coglierla oblîaro...
     Anzi di ascender su non ebber possa.






5. Di Erinna.


Alla Fortezza εἰς τὴν ῥώμην1.


Figlia di Marte, o tu Fortezza, salve
     Auro-bendata bellica regina,
     Ch’abiti in sulla terra il sacro Olimpo
                              Per sempre illeso,
Diede a te sol la veneranda Parca
     La glorïa regal d’invitto regno,
     Affin che ricca d’imperante possa
                              Tu fossi duce.
Sotto il tuo giogo dalle forti briglie
     Quanti ha la terra petti o il mar canuto
     Sono costretti, onde del mondo intero
                              Le città reggi.


  1. Si adatta sì alla fortezza e sì a Roma, secondo alcuni, ma meglio alla fortezza.