Pagina:Poesie greche.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 33 —

E per te assiduo
     L’uom s’affaccenda,
     Se di te fervido
     12Amor lo renda.
Immarcescibile
     Frutto gli dài
     Dell’oro fulgido
     16Più caro assai.
Nè chi dà il vivere,
     Nè il dolce sonno
     Di te più amabili
     20Esser non ponno.
Il divino Ercole,
     Di Leda i figli
     Per te soffersero
     24Mille perigli,
E di te cupidi
     Achille chiaro
     E Ajace all’Erebo
     28Precipitâro.
Per te sì amabile
     Già l’Atarnide
     Del Sole i radii
     32Più non rivide1.
Onde per opere
     Chiare è immortale,


  1. Ermia.