Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 poesie varie


Si sparge, mentre passano l’ore
lunghe col refe, con la ciniglia,
nella stanzetta chiusa, l’odore
                                   20della vaniglia.

Nè ci si lodi, se per incanto
vestiam di frutti gl’ispidi rami!
Il nostro savio cuore soltanto
                                   24vuol che ci s’ami;

che si ritorni, che si ripeta,
che il nostro miele prenda chi giunge!
Alfredo, è un’ape, certo, il poeta,
                                   28ma che non punge.

Prenda chi vuole, prenda chi viene,
prenda chi gramo voglia e non possa...
anche chi scende, vivo, in catene,
                                   32nella sua fossa.

Mentre la Pena l’urge, crudele
più di lui stesso che fu pur tanto
tanto crudele; senta il tuo miele,
                                   36senta il mio canto.

(Scritta dopo aver appreso che Musolino, durante
il processo, assaggiava qualche caramella).