Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 poesie varie

     io so ben che non falla
     messe in gran copia d’afrodisio mirto,
     75nè suoni o feste o luce a’ tuoi sponsali.
     Come intanto nebbiosa ombra s’avvalla
     e fa spiraglio il sole
     in tra l’ardue carole
     delle raminghe nubi, io tale un riso
     80veggio passarvi sul commosso viso.

Forse l’amor che ambo vi tragge in mezzo
     alla polve del mondo
     medita vostra mente?
     Forse quel vol che voi franca dal lezzo
     85di quest’età corrotta? I fiori forse
     che sparge ai vostri piè tutta la gente?
     O l’insueta calma
     che inspirate nell’alma
     di chi non prova al mondo altro che noia,
     90ed or vostra mercè s’apre alla gioia?

24 ottobre 1872.