Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

1872-1880 33


parlano, cantano, danzano in volta
          e hanno tutte una face alle mani;
non sono lucciole ch’ardon la folta
          20siepe, e vento che scuote gli ontani:

parlano e cantano cose d’amore,
          fiori colgono, aspettano il dì:
i canti sono che pensa il mio cuore,
          24sono i fior che il mio sangue nutrì.


ii


Si specchiano stelle serene
sul piano inquieto dell’onda;
ne vengono al sommo nereidi e sirene
28e in fila s’avventano verso la sponda.

Non hanno le gracili ondine,
le rosee sirene non hanno
sui corpi di neve le vesti azzurrine,
32e stridono e gemono, e vengono e vanno.

Le stelle contemplano. Nera
da un lato del curvo orizzonte
di nugoli torbidi viene una schiera
36con carri, che splendono e tonano in fronte.

Dell’orrida torma dei venti
la pesta pel cielo rimbomba:
si spargono a mare tritoni fuggenti
40con ululi lunghi con suoni di tromba.