Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 le selve

Instabile, rettor, moderatore:
E le leggi non men di cosí grande
Maestro della vita ebber contezza;920
A questo fonte ogni scïenza attinge
Per avvivar le dotte carte: l’Indo
Tant’opra già nella sua lingua volse,
Sette città con bellicosa industria
Del natal suo contendonsi la gloria:925
Lui, che di Zoilo critico la sferza24
Vïolenta subía, dal patrio fiume
Affrancò Tolomeo vindice; ed anche
Di Macedonia il re l’opre del Sommo
In prezïosi cofani racchiuse,930
E, tra mezzo al fragor delle battaglie,
Lui chiamava a consulta, e al sonno invito
Facea con lui; da lui traea la rapida
Concezïone delle pugne, e a lui
Del conseguito allòr solea dar merto.935




Rectoremque vagae moderatoremque juventae:
Hunc etiam leges vitae agnovere magistrum,
Omnis ab hoc docias sapientia fonte papyros580
Irrigat: hunc proprias olim gangetica tellus
Transtulit in voces: huius natalia septem
Quaeque sibi rapiunt studiis pugnacibus urbes:
Hunc et sithonii patientem jura flagelli
Asseruit patrio vindex Ptolomaeus ab amne:585
Hunc quoque captivo gemmatum clausit in auro
Rex Macedûm, mediis hunc consultabat in armis,
Hoc invitabat somnos, hinc crastina bella
Concipere huic partos suetus jactare triumphos.