Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 il milione

XCIX (cxv)

Della provincia di Tebet.

Appresso le cinque giornate ch’io v’ho detto, truova l’uomo una provincia che guastoe Mogut (Mongu) Cane per guerra; e v’ha molte ville e castella tutte guaste. Quivi hae canne grosse bene quattro ispanne, lunghe bene quindici passi, e1 hae dall’uno nodo all’altro bene tre palmi. E si vi dico che gli mercatanti e gli viandanti prendono di quelle canne la notte e fannole ardere nel fuoco; perchè fanno sí grande iscoppiata, che tutti gli leoni e orsi e altre bestie fiere hanno paura e fuggono, e non si accosterebbero al fuoco per cosa del mondo. E questo si fanno2 per paura di quelle bestie, che ve n’ha assai. Le canne iscoppiono, perchè si mettono verdi nel fuoco;3 e quelle si torcono e fendono per mezzo. E per questo fendere fanno tanto remore, che s’odono dalla lunga4 presso a cinque miglia di notte e piue; ed è sí terribile cosa a udire, che chi non fosse d’udirlo usato, ogni uomo n’avrebbe gran paura. E gli cavagli che non ne sono usi si spaventono sí forte, che rompono5 capresti e ogni cosa e fuggono; e questo avviene ispesse volte. E, a ciò prendere rimedio, e’ gli fanno a’ cavagli che non ne sono usi, e’ gli fanno incapestrare di tutti e quattro li piedi e fasciare gli occhi e turare gli orecchi, sí che non può fuggire quando ode questo iscoppio. E cosí campano gli uomeni, la notte, loro e le loro bestie. E quando l’uomo va per queste contrade bene venti giornate, non truova nè alberghi nè vivande, ma conviene che porti vivande per sè e per sue bestie tutte queste venti giornate, tuttavia trovando fiere pessime e bestie salvatiche, che sono molto pericolose. Poscia si truova castella e

  1. Berl. volze intorno ben tre palmi.
  2. Berl. per varentar le suo’ bestie dali diti animali salvadeghi, e diròve a che muodo se oldeno da lonzi.
  3. Pad. e quando el è stade uno puoco, elle se torzeno...
  4. Fr. dis miles lunc.
  5. Berl. i cavestri.