Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nota 281

nel modo piú semplice, ricorsi all’espediente di chiuderli in mezzo a parentesi quadre, [ ]; ma dovetti perciò sopprimere, per compenso, le non molte altre parentesi quadre con le quali il Bartoli distinse nella sua stampa i passí che, mancando al codice dell’«ottimo», vennero suppliti con gli altri mss. ad esso piú affini. Ridondanze analoghe dei mss. citati nelle note per lo piú ho soppresso e sostituito con puntini; e quelle poche che ho riprodotto, per dar saggio delle molte, ho egualmente contrassegnato con parentesi quadre. Nelle stesse note sono racchiuse fra parentesi tonde le parole (o anche le lettere) che valgono a correggere o supplire la dizione dei mss.; ed anche, talora, citazioni secondarie inserite nella principale.

Ho posto, nel testo, i richiami alle varianti non nel punto corrispondente al termine del passo citato nella nota, ma al principio di esso. Per rendere poi, in qualche modo, piú agevole e meno incerto il riscontro fra il testo e le citazioni, ho creduto bene segnalare nelle varianti con un asterisco il principio di quei tratti ai quali r«ottimo» non ha nulla che corrisponda, cioè che esso ommette interamente.

Si vedrá che alcune varianti sono precedute da piú di un nome di manoscritto. In quei casi devo avvertire che io mi trovavo dinanzi due o piú testi, che mi ofirivano ciascuno qualche punto, talvolta anche una sola parola, utile alla reintegrazione dell’«ottimo»: ma non giá tutti il punto medesimo (che allora avrei potuto dare egualmente la preferenza ad uno solo), bensí quale uno e quale un altro; cosicchè mi parve ben fatto di ricorrere ad una specie di contaminazione, facendo in tal modo anche dei piccoli esperimenti di restauro del primitivo testo italiano. Lo scarso valore dei singoli manoscritti, mi assolverá, io spero, dalla colpa di arbitraria contraffazione lá dove non pare da ammettere una comune dipendenza da un testo italiano, o dove si poteva rimanere incerti sulle peculiaritá dialettali dei codici: avverto, ad ogni modo, che ho posto fra i nomi dei codici per primo quello donde ho tolto di piú.