Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

indice dei nomi propri 311


Del Prologo — Sí come misier Nicolò e mesier Mafio Polo, zitadini di Veniesia, andò imprimamente in Costantinopoli, e dapuò in Soldania, e possa lá dove era Barca Acaam (Can) e molte altre cosse ||
 pag. 1
I. ||
 ||
   » 5
II. ||
 ||
   » ivi
III. ||
Come il Grande Cane donò a li due frategli la tavola de l’oro ||
   » 7
IV. ||
Come li due frategli vennero alla cittá d’Acri ||
   » ivi
V. ||
Come li due frategli si partirò da Vinegia per tornare al Grande Cane ||
   » 8
VI. ||
Come gli due fratelli si partirono da Acri ||
   » 9
VII. ||
Come gli due fratelli vanno al papa ||
   » ivi
VIII. ||
Come gli due fratelli vengono alla cittá di Clemenfu (Chemenfu), ov’è lo Gran Cane ||
   » 10
IX. ||
Come gli due fratelli vennoro al Gran Cane ||
   » 11
X. ||
Come lo Gran Cane mandò Marco figliuolo di messer Niccolò per suo messaggio ||
   » ivi
XI. ||
Come messer Marco tornò al Gran Cane ||
   » 12
XII. ||
Come messer Niccolò e messer Matteo e messer Marco domandare commiato al Gran Cane ||
   » ivi
XIII. ||
Quivi divisa come messer Niccolò e messer Matteo e messer Marco si partirono dal Gran Cane ||
   » 14
XIV. ||
Qui divisa della provincia di Ermenia ||
   » 15