Pagina:Polo - Il milione, Pagani, Firenze 1827, I.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DSL MILIONE CXLY abbandonala dopo la morie del Granduca Francesco, ma non ne rimase abolita la memoria. Il celebre Ulisse Aldovrandi, che di quell’arte attin- vaso di terra ben pulita , e la^ceravela star tanto , che la vada ben a fondo , e che l’acqua resti chiara, la qual acqua caverai con una spugna netta senza intorbidare, seguitando di far così ,fin a tanto che la si possa lavorare per farne piattino quello che più ti piacerà . Dipoi che saranno fatti sulla ruota , gli lascerai seccare , tanto quanto basta , e tornieragli , riducendoli alla sottigliezza che ti parrà . Dipoi gli dipingerai di colori , che più ti piaceranno , come nel modo chesi fanno ipiatti di Faenza, e d' Urbino; e dipinti che saranno , gli metterai nelle scatole di terra colta , et inforneraili nella fornace , dandoli il fuoco lento con legne d* ontano , o dì salcio, benissimo secche : avvertendo di cuocerli di maniera , che non sieno trop¬ po cotti, perchè non accetterebbon la vernice , ovvero coperta, e se fissino poco cotti , nel tuff argli nella coperta si disfarebbono . Coperta ovvero vernice R. Rena bianca da bicchieri della più bianca , che si possi avere } allume di feccia scelto del più grasso chesi possa avere: ana libbre i5 .Salina volterrana libbre 7. Litargirio d'oro libbre 10. — Mis ce ogni cosa insieme, e passa per stacccio rado, e metti nei boccali, com hai fatto di sopra. Dipoi mettila nella fornace Nel medesimo modo e luogo come di sopra s’è detto. E se non venisse ben purificata, rimettila un altra volta in fornace , che si purificherà. Dipoi spezza i boccali , e nettala ben dalla terra, e passa per staccio , e mettila alla pila con acqua chiara, c macina sottilissimamente. Colala poi, passandola per staccio finissimo in vaso di terra ben netto, lasciandola riposare per due giorni , che chiarirà : mutagli l'ac¬ qua , e adoperala al tuo bisogno secondo i uso . MODO DI FARE LA FRITTA PER DETTA OPERA R. Cristallo di montagaa macinato, e preparato libbre 100. Sai di Soda cava¬ to da buona soda libbre 80. Il cristallo sia ben infuocato , e quando è ben rosso, s' estingua m acqua chiara e fresca , e dipoi si asciughi, e pesti , e passisi per staccio finissimo . Il sale sia fatto di buona soda , e non bene asciutto . Mescolali bene insieme, e fanne la fritta con fiamma chiara: avvertendo che il sale non vuol essere acquoso , ma un pochetto umido , e fatta che sarà la fritta , la serberai in vaso di terra. MODO DI FARE IL BIANCO PER DETTA OPERA R. Rena bianca da bicchieri , allume di feccia ana libbre 100. Salina volterra¬ na libbre 20. Fà passare per staccio le sopradette cose , empiendone i boccali > e metti nel medesimo fuoco, che nella ricetta di sopra si è detto , e questa si chiama la fritta degli Arciuoli . Piglia della detta fritta libbre \o. C alcinazion di pion.bo e stagno libbre 42. L’ accordo della calcinazione è questo: piombo di raugia lib¬ bre 100. stagno del rastrello, 0 forcale libbre 33. Mesci il lutto, e metti in fornello di reverbero, e fà calcinazione. Rena bianca da bicchieri libbre 33. Mesci il tutto insieme., e passa per staccio rado , empiendone i boccali , e coctndo per il mede¬ simo ordine degli altri , che di sopra si c detto . S CXLVI STORIA