Pagina:Pontano - L'Asino e il Caronte, Carabba, 1918.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il caronte 91

la compagna delle mie fatiche! essa non mi lascia esser solo, pur segregandomi dalla vil moltitudine che mi sta sempre intorno.

Eaco. — Guarda bene, Minosse, là verso occidente... Non ti par di vedere quasi una nube che si fa sempre più densa?

Min. — ... E la precede un punto luminoso e scintillante?... Ho capito: riconosco i talari splendenti di Mercurio. Noi lo aspetteremo qui; tu, Caronte, spingi la tua barca all’altra riva.


Scena III.


Gli stessi; poi Mercurio e Piricalco.


Min. — Vedi quanto può l’educazione! Quello che era un semplice barcaiolo è diventato un filosofo... Che sarebbe diventato, se fosse andato a scuola di filosofia fin da ragazzo?

Eaco. — Non è mai tardi per imparare. Che se i fiori della speranza sono propri particolarmente della giovinezza, i frutti maturano quasi interamente nell’età matura.

Min. — Verissimo. Eppure, non so come, l’amor della virtù e della lode è più grande nei giovani; è in loro come una forza istintiva: nei vecchi ogni cosa si fa più fiacca e più lenta.

Eaco. — Nei giovani è maggiore l’impeto, nei vecchi la ragione, che di sua natura è più tranquilla. Di più, ogni ardore nei giovani tende alla gloria; la virtù dei vecchi è disinteressata, e quindi più vicina alla perfezione.

Min. — Così ha voluto la Natura, che, come dai fiori fa nascere i frutti, così dalla temerità e inconsapevolezza dei giovani genera la saggezza dei vecchi. Ricordo che, quand’ero ragazzo, anch’io