Pagina:Postuma.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134 postvma.


    Una casetta, e il mare
Vicino all’uscio e cacio in abbondanza,
Una raccolta di bottiglie rare
16E la santa ignoranza.

    Oh, come i dì modesti
In quella dormirei pace profonda,
E tu ragazza mia, come saresti
20Grassotta e rubiconda!

    Porterei le brachesse
Colla bonarietà d’uno scabino,
Tu m’accompagneresti alla kermesse
24In cuffia e gamurrino;

    Ivi seduti accanto
Parleremmo d’amor tranquillamente;
La birra bionda spumerebbe intanto
28Nel boccal rilucente.

    Tu colla tua gioconda
Voce susurreresti una ballata,
Io succhierei con maestà profonda
32La pipa smisurata.